Il telescopio spaziale Webb trova un’antica galassia “morta”.

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie su scoperte affascinanti, scoperte scientifiche e altro ancora.



CNN

Gli astronomi hanno scoperto la più antica galassia “morta” mai osservata mentre studiavano l’universo con il telescopio spaziale James Webb, ed è una delle vedute più profonde dell’universo lontano mai realizzate con l’osservatorio.

La galassia esisteva quando l’universo aveva solo circa 700 milioni di anni rispetto alla sua età attuale di 13,8 miliardi di anni. Ma la galassia ha improvvisamente interrotto la formazione stellare 13 miliardi di anni fa, proprio quando è iniziata la nascita delle stelle, e i ricercatori devono ancora capire perché.

Un rapporto dettagliato sulla scoperta è apparso nel diario di mercoledì Natura. Lo studio delle galassie può rivelare nuove informazioni sull’universo primordiale e sui fattori che influenzano la formazione stellare all’interno delle galassie, suggeriscono gli autori.

“Le prime centinaia di milioni di anni dell’Universo sono state una fase molto attiva, con molte nubi di gas che collassavano per formare nuove stelle”, ha affermato l’autore principale dello studio Tobias Loeser, dottorando in astrofisica extragalattica presso il Kavli Institute for Cosmology dell’Università di Cambridge. . In una dichiarazione. “Le galassie hanno bisogno di una ricca fornitura di gas per formare nuove stelle, e l’universo primordiale era come un buffet a volontà.”

Il gruppo di ricerca è stato sorpreso di trovare una cosiddetta galassia morta che visse rapidamente e morì giovane subito dopo il Big Bang che creò l’universo.

“(In genere) è tardi nell’universo che iniziamo a vedere le galassie smettere di formare stelle, a causa di un buco nero o qualcos’altro”, ha detto il coautore dello studio, il dottor Francesco D’Eugenio. Istituto Astronomico, in un comunicato.

READ  ULA Atlas V NROL-107 | Complesso visitatori del Kennedy Space Center

La formazione stellare cessa quando i fattori ambientali privano la galassia del gas necessario per favorire la nascita di nuove stelle.

Le violente interazioni tra buchi neri o stelle supermassicci potrebbero essere i colpevoli dell’espulsione di gas dalle galassie, che arresta rapidamente la formazione stellare. Oppure, il processo di nascita delle stelle potrebbe consumare così tanto gas che non c’è abbastanza tempo per ricostituirlo abbastanza da garantire che il processo continui nel futuro.

“Non sappiamo se qualcuna di quelle scene può spiegare ciò che abbiamo visto ora con il web”, ha detto Roberto Maiolino, professore di astrofisica sperimentale presso il Cavendish Laboratory e il Kawli Institute for Cosmology dell’Università di Cambridge. Una dichiarazione.

“Fino ad ora, per comprendere l’universo primordiale, abbiamo utilizzato modelli basati sull’universo moderno. Ma ora che possiamo guardare più indietro nel tempo e osservare che la formazione stellare in questa galassia si sta estinguendo molto rapidamente, i modelli basati sull’universo moderno potrebbero Bisogna ripensarci”, ha detto Maiolino. Lo ha detto anche lui.

Le osservazioni sul web hanno rivelato che la galassia appena scoperta, denominata JADES-GS-z7-01-QU, ha vissuto una breve ed energica esplosione di formazione stellare durata tra 30 e 90 milioni di anni prima di cessare improvvisamente la nascita delle stelle.

“Tutto sembra accadere velocemente e in modo drammatico nell’universo primordiale, e questo include le galassie che sono quiescenti o in via di estinzione dalla fase di formazione stellare”, ha detto Loser.

La galassia morta rivelata dallo studio non è la prima vista dagli astronomi, ma è una delle più antiche mai osservate.

Inoltre, la galassia ha la massa ridotta di una galassia nana vicino alla Via Lattea chiamata Piccola Nube di Magellano, che produce ancora nuove stelle. Le galassie morte precedentemente osservate erano molto più massicce, aggiungendo un’altra stranezza alla scoperta di Webb.

READ  Kiev scossa dalle esplosioni durante gli attacchi russi di Capodanno

La galassia appena scoperta è a miliardi di anni luce dalla Terra, e un anno luce è la distanza percorsa da un raggio di luce in un anno, ovvero 5,88 trilioni di miglia (9,46 trilioni di chilometri). Quindi Webb sta osservando la galassia com’era in passato – e gli astronomi non escludono che possa essersi sostanzialmente resuscitata e aver ricominciato la formazione stellare.

“Stiamo cercando altre galassie come questa nell’universo primordiale, che potrebbero aiutare a porre alcuni vincoli su come e perché le galassie smettono di formare nuove stelle”, ha detto Di Eugenio. “Le galassie nell’universo primordiale morivano e poi tornavano alla vita: avremo bisogno di più osservazioni per capirlo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *