Il razzo giapponese Space One Kairos è esploso pochi secondi dopo il suo viaggio inaugurale

Un razzo giapponese a combustibile solido è esploso pochi secondi dopo il suo lancio iniziale mentre Space One, una società privata, tentava di diventare la prima del paese a mettere in orbita un satellite.

La navicella spaziale Kairos, alta 59 piedi, è decollata dalla penisola di Kii, nel Giappone occidentale, alle 11:01 di mercoledì.

Cinque secondi dopo che i giroscopi avevano lasciato la piattaforma di lancio, si verificò un’enorme esplosione al centro del razzo e la nave vuota esplose in una palla di fuoco e fumo.

Il razzo Gyros della Space One giapponese esplode pochi secondi dopo il decollo durante la sua missione inaugurale il 13 marzo 2024. tramite REUTERS

Kairos, o Advanced & Instantaneous Rocket System basato sull’intelligenza artificiale, trasportava un satellite governativo sperimentale che poteva sostituire temporaneamente i satelliti dell’intelligence se fossero caduti fuori orbita.

Space One ha dichiarato di aver “messo a terra il volo” dopo il lancio e di aver analizzato i dati di volo.

I detriti dell’esplosione alla fine caddero sulle montagne e nell’oceano.

Un problema ha innescato il sistema autonomo di arresto dei voli, ha detto Shuhei Kishimoto, governatore del governo locale di Wakayama, dopo essere stato informato dai funzionari.

Kishimoto non ha chiarito il problema che ha causato l’attivazione del sistema di messa a terra.

I kairos sono stati progettati e costruiti per essere altamente automatizzati, compreso un sistema di stallo dell’aereo.

Un equipaggio di circa una dozzina di lavoratori doveva lavorare nel vicino centro di controllo missilistico.

Non si registrano feriti nei pressi della rampa di lancio e l’incendio provocato dall’esplosione è stato domato.

Space One aveva programmato il lancio sabato, ma lo ha rinviato dopo che una nave è entrata in un’area riservata nelle vicinanze. AFPTV/AFP tramite Getty Images
Space One ha affermato che il lancio è altamente automatizzato e richiede circa una dozzina di membri dell’equipaggio presso il centro di controllo a terra. AP

Space One è stata costituita nel 2018 dalla fusione di diverse società, tra cui Canon Electronics, la società di ingegneria IHI e la Banca di sviluppo sostenuta dal governo giapponese.

READ  Qual è l'effetto a cascata se i Red Sox spostano Xander Bogaerts all'interno?

L’azienda è stata fondata come fornitore di lanci spaziali “facile e conveniente” per portare le attività dei clienti nello spazio. Secondo il suo sito web.

“Con la nostra rampa di lancio e piattaforma dedicata, ridurremo i costi di messa in orbita dei satelliti e aiuteremo a espandere ulteriormente le attività spaziali”, si legge nella dichiarazione di intenti dell’azienda.

Space One ha detto che il volo “ha incontrato un ostacolo” dopo il lancio a ovest della penisola di Kii, nel Giappone occidentale, e sta indagando sulla situazione. AP
L’esplosione del razzo è stata ripresa mercoledì da un punto di osservazione dietro le montagne di Kushimoto, nella prefettura di Wakayama. AP

Il razzo è costituito da tre stadi di motori a combustibile solido e da un motore post-boost a combustibile liquido che tenta di trasportare carichi utili fino a 250 kg nell’orbita terrestre bassa.

Il lancio era originariamente previsto per sabato scorso, ma è stato posticipato a mercoledì dopo che una nave è entrata in un’area riservata nel vicino mare.

Lo spazioporto Kii Kushimoto si trova a circa 136 miglia a sud-est di Osaka, nella prefettura di Wakayama.

I piani aggressivi e a basso costo di Space One includono una “attività di lancio più breve” e “la più alta frequenza di lanci al mondo (più di 20 all’anno)”.

Il fumo si alza dalla rampa di lancio dopo un decollo fallito il 13 marzo 2024. AP
Gli spettatori guardano il fumo alzarsi dalla piattaforma di lancio dello Space One sulla punta della penisola di Kii il 13 marzo 2024. tramite REUTERS

Space One non ha rivelato i costi di lancio di Kairos, ma il dirigente della società Gozo Abe ha affermato che è “sufficientemente competitivo” rispetto al rivale americano Rocket Lab.

Rocket Lab ha acquistato 40 piccoli razzi elettronici dalla Nuova Zelanda dal 2017, pagando circa 7 milioni di dollari per volo.

L’esplosione di Mercurio è l’ultimo incidente che colpisce le ambizioni spaziali relativamente giovani del Giappone.

Lo scorso luglio, il motore Epsilon S della Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) è esploso un minuto dopo l’inizio del test del motore del secondo stadio.

Al razzo H-3 di media portata della JAXA è stato ordinato di autodistruggersi durante il suo primo volo lo scorso marzo dopo che il suo motore del secondo stadio non si era acceso come previsto.

Si prevede che la navicella spaziale H-3 consegnerà 20 satelliti e sonde nello spazio entro il 2030.

L’agenzia spaziale ha registrato molti successi da quando ha fatto atterrare la sua prima sonda sulla Luna il 13 gennaio, ma ci è voluto più di un mese per ristabilire la connessione dopo l’atterraggio.

Quando lo Smart Lander (SLIM) è atterrato sulla superficie della Luna il 13 gennaio, il Giappone è diventato il quinto paese ad esplorare la Luna.

Con fili postali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *