Il primo ministro del Regno Unito Liz Truss si dimette a causa del fallimento del budget e delle turbolenze del mercato

Il primo ministro Liz Truss annuncia le sue dimissioni il 20 ottobre 2022 al 10 di Downing Street a Londra, Inghilterra.

Leon Neal | Belle foto

LONDRA – La premier britannica Liz Truss si è dimessa giovedì a seguito del fallimento del taglio delle tasse che ha sconvolto i mercati finanziari e portato alla rivolta all’interno del suo stesso partito conservatore.

In una dichiarazione fuori Downing Street, Truss ha dichiarato: “Abbiamo definito una visione per un’economia a basse tasse e ad alta crescita che sfrutti le libertà della Brexit”.

“Tuttavia, riconosco che, date le circostanze, non posso consegnare il mandato a cui sono stato eletto dal Partito conservatore. Ho quindi parlato con Sua Maestà il Re per annunciare le mie dimissioni da leader del Partito conservatore”.

Il partito concluderà le elezioni per la leadership entro la prossima settimana, più velocemente del consueto periodo di due mesi. Graham Brady, il politico conservatore responsabile dei voti e dei rimpasto della leadership, ha detto ai giornalisti che ora stava cercando di escludere i parlamentari conservatori e i membri del partito in generale.

Truss è rimasto in carica per soli 44 giorni, il che lo ha reso il primo ministro in carica più breve nella storia britannica. Dopo la morte della regina Elisabetta II, gli affari del governo furono sospesi per dieci giorni durante il suo mandato di Primo Ministro.

Si dimise dopo un incontro con Brady, che presiedeva il Comitato 1922 – Parlamentari conservatori senza incarichi ministeriali che potevano presentare lettere di sfiducia al Primo Ministro.

Poco prima dell’incontro, un portavoce di Downing Street ha detto ai giornalisti che Truss voleva rimanere in carica.

READ  Scimmia: i primi casi possibili sono stati segnalati nel Missouri, nell'Indiana

Entro un’ora dall’incontro, il numero di parlamentari che avevano pubblicamente chiesto le dimissioni di Truss è arrivato a 17. Entro giovedì, il numero di persone che avevano scritto a Brady dicendo di non avere fiducia nel primo ministro aveva superato le 100.

Il libbra Quel giorno era 0,5% in più dollaro Un’ora dopo l’annuncio, è stato scambiato a $ 1,1273, toccando brevemente un massimo della sessione. Rimane com’era il 22 settembre, prima del budget mutevole del mercato di Truss. I rendimenti dei gilt a 30, 10 e 5 anni (obbligazioni sovrane britanniche) sono scesi di circa 5 punti base dopo il breve discorso di Truss.

I partiti di opposizione Laburista, Partito Nazionale Scozzese e Liberal Democratici hanno indetto le elezioni generali anticipate giovedì pomeriggio. Il leader laburista Keir Starmer ha dichiarato: “I conservatori hanno dimostrato di non avere più il mandato per governare”.

Controverso “Mini Budget”

Politica del Regno Unito: difficile immaginare come sarebbe un candidato all'unità dei Tory, afferma il think tank

Il 23 settembre, il ministro delle finanze di Truss, Kwasi Kwarteng, ha annunciato un cosiddetto “mini-budget” che ha dato il via a un periodo di turbolenze per i mercati obbligazionari britannici, fermando i tagli fiscali per il finanziamento del debito che aveva proposto. La maggior parte delle politiche Cambiato dopo tre settimane Il secondo ministro delle finanze era Jeremy Hunt.

Drus Rishi sconfisse Sunak e divenne il leader del Partito Conservatore Boris Johnson si è dimesso il 7 luglio. Sunak è ora uno di loro Preferiti per cambiare i vestitiInsieme a Hunt, gli altri contendenti alla leadership sono Benny Mordant, il ministro della Difesa Ben Wallace e l’ex primo ministro Boris Johnson.

Le dimissioni lasciano in piedi i conservatori. Previsto aggiornamento del budget La scadenza del 31 ottobre è incerta, ma Truss ha affermato che la consegna della leadership “farà in modo che siamo sulla buona strada per realizzare i nostri piani finanziari”.

Altro da fare

Paul Dales, capo economista del Regno Unito presso Capital Economics, ha affermato che il nuovo primo ministro doveva fare di più per riguadagnare fiducia nei mercati finanziari.

“La politica fiscale è passata da molto accomodante a meno accomodante a piuttosto restrittiva nel giro di poche settimane”, ha affermato in una nota.

“Ciò ha aumentato i rischi al ribasso per la nostra previsione che l’economia entrerà in una recessione, che include un calo massimo del 2% del PIL, sebbene vi sia un rischio al ribasso per la nostra previsione che i tassi di interesse saliranno al 5,00%”.

Danni a lungo termine per il Regno Unito da tagli fiscali falliti, afferma il principale think tank

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.