Il crollo iniziale della LSU a favore della FSU fu un “fallimento totale”, afferma Brian Kelly

Orlando, Fla. – L’allenatore della LSU Brian Kelly ha definito la sconfitta per 45-24 della sua squadra contro la Florida State domenica sera una “perdita totale” dopo che un crollo nel secondo tempo ha permesso ai Seminoles di scappare con la partita.

NO. 5 Tigers erano in vantaggio 17-14 all’intervallo, ma il n. 8 FSU ha concesso 31 punti senza risposta nel secondo tempo. Non hanno avuto risposta per il quarterback di Noles Jordan Travis (342 yard di passaggio, cinque touchdown totali) o per il wide receiver Keon Coleman (122 yard, tre punteggi).

Ha segnato la più grande sconfitta della LSU contro una squadra classificata per iniziare una stagione nell’era del sondaggio AP (dal 1936).

“È stato un completo fallimento dal punto di vista dell’allenatore e del giocatore che ovviamente dobbiamo affrontare e ammettere”, ha detto Kelly. “So che le avversità colpiranno sempre in questo gioco, e questa sarà la prima vera avversità che dovremo affrontare. Sono sicuro che i nostri ragazzi e i nostri allenatori si mobiliteranno come necessario”.

La LSU ha avuto molte possibilità di costruire un enorme vantaggio nel primo tempo, ma le ha sprecate. Nel drive di apertura della partita, i Tigers hanno effettuato quattro tentativi dalla linea di 1 yard, ma non sono riusciti a segnare al quarto down. La LSU ha avuto un’altra occasione nel secondo quarto sul quarto e gol dall’1, ma Daniels è stato nuovamente fermato.

READ  I fan della serata di apertura del film-concerto "Eras ​​Tour" di Taylor Swift sono entusiasti

Kelly ha detto che entrambe erano “chiamate e decisioni standard del quarto down”. Nonostante l’incapacità di segnare dall’1, la LSU ha accumulato yard nel primo tempo e all’intervallo era in vantaggio per 17-14. Ma dopo l’intervallo, lo Stato della Florida ha iniziato a imporre la propria volontà e a spingere avanti la LSU.

“La responsabilità spetta a me, e la nostra squadra di football deve capire e riconoscere che bisogna giocare a questo gioco con una mentalità da quattro quarti”, ha detto Kelly. “Per qualche motivo non l’abbiamo fatto. Pensavamo che fosse qualcun altro. Pensavamo che fosse il due volte campione nazionale Georgia Bulldogs o qualcosa del genere. Non so cosa pensavamo, ma ci sbagliavamo.”

Giovedì, Kelly ha fatto notizia quando ha detto nel suo programma radiofonico di apertura della stagione: “Batteremo a morte lo stato della Florida”. Non è noto se quei commenti abbiano risuonato negli spogliatoi dello Stato della Florida; Sia Coleman che Travis hanno detto di non conoscerli quando è stato chiesto loro durante la conferenza stampa post partita.

Ciò che è chiaro è che Kelly deve trovare un modo per convincere la sua squadra a giocare una partita completa.

“Come gestiamo questa situazione? È questo quello che vogliamo essere, oppure guardiamo la situazione e diciamo che questa non è la squadra di calcio che vogliamo”, ha detto Kelly. “Quando hai questo tipo di perdite, sono deludenti e, in alcuni casi, sono perdite devastanti, ma è così che rispondi. Hanno la possibilità di rispondere a questa prestazione deludente nel secondo tempo.

“Quindi le scelte che dovranno fare inizieranno domani.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *