Il capo del FMI avverte che l’economia globale è destinata alla crescita a breve termine più debole dal 1990

L’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, ha dichiarato giovedì in vista delle riunioni FMI/Banca mondiale della prossima settimana che la crescita globale quest’anno si espanderà di meno del 3%.

“Con l’aumento delle tensioni geopolitiche e un’inflazione ancora più elevata, una forte ripresa rimane sfuggente”, ha affermato Georgieva. disse In un discorso a Washington.

Il FMI prevede una crescita globale del 3% nei prossimi cinque anni, la previsione di crescita a medio termine più bassa dal 1990 e inferiore alla media del 3,8% degli ultimi due decenni.

Il FMI rilascerà maggiori dettagli sulle sue prospettive di crescita quando pubblicherà il suo ultimo World Economic Outlook la prossima settimana. La previsione di una crescita inferiore al 3% quest’anno sarebbe in linea con la stima di gennaio del 2,9% – 0,2% in più rispetto alle previsioni di ottobre.

Per Georgieva 2023, le economie emergenti sono il punto luminoso: si prevede che India e Cina rappresenteranno la metà della crescita globale. Il FMI vede rallentamenti economici negli Stati Uniti e in Europa, dove i tassi di interesse più elevati manterranno il passo con la domanda. Si prevede che il 90% delle economie avanzate vedrà un calo dei tassi di crescita quest’anno, ha affermato Georgieva.

L’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale (FMI) Kristalina Georgieva partecipa a una conferenza stampa a seguito di un incontro presso la Cancelleria federale a Berlino, in Germania, il 29 novembre 2022. REUTERS/Michele Tantussi

L’amministratore delegato ha pesato sulla guida dell’inflazione tra i problemi bancari globali, dopo i fallimenti delle banche della Silicon Valley presso UBS e il crollo del Credit Suisse. Finché le pressioni fiscali saranno contenute, le banche centrali dovranno “mantenere la rotta”, indicando continui aumenti dei tassi per mantenere bassa l’inflazione, ha affermato Georgieva.

READ  Gli americani sono stati liberati dall’Iran con uno scambio di prigionieri da 6 miliardi di dollari

Ma allo stesso tempo, le banche centrali devono “affrontare i rischi per la stabilità finanziaria fornendo liquidità adeguata. È importante monitorare attentamente i rischi nelle banche e nelle istituzioni finanziarie non bancarie e le debolezze in settori come gli immobili commerciali”.

Ha aggiunto: “Ci sono preoccupazioni per potenziali vulnerabilità non solo nelle banche ma anche in quelle non bancarie, ora non è il momento per l’autocompiacimento”.

Georgieva ha affermato che i fallimenti bancari tra gli alti tassi di interesse e la scarsa liquidità hanno esposto fallimenti nella gestione del rischio e carenze di vigilanza in alcune banche.

Georgieva ha chiesto la cooperazione internazionale per incrementare il commercio globale, citando la ricerca del FMI che ha scoperto che il costo della frammentazione del commercio a lungo termine potrebbe raggiungere il 7% del PIL globale, equivalente alla produzione annuale combinata di Germania e Giappone.

“Se si include la disconnessione tecnologica, alcuni paesi potrebbero subire perdite fino al 12% del PIL”, ha affermato. “E la frammentazione dei flussi di capitale, compresi gli investimenti esteri diretti, sarà un altro colpo per le prospettive di crescita globale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *