I soci di Trump, incluso Mark Meadows, si sono dichiarati non colpevoli in Arizona

PHOENIX – L’ex capo dello staff della Casa Bianca di Donald Trump e assistente elettorale che ha gestito le operazioni dell’ex presidente nel giorno delle elezioni del 2020 si sono dichiarati non colpevoli venerdì delle accuse di aver lavorato per sabotare la vittoria di Joe Biden in Arizona quasi quattro anni fa.

L’ex capo dello staff Mark Meadows e l’ex membro dello staff della campagna Mike Roman hanno presentato le loro istanze separatamente durante le apparizioni video presso il tribunale della contea di Maricopa nel centro di Phoenix. Insieme ad altri 16, Meadows e Roman sono accusati di nove reati, tra cui cospirazione, racket e racket, in una causa intentata dal procuratore generale dell’Arizona Chris Mayes (D). I loro volti sono apparsi sui monitor della piccola aula del tribunale. Gli imputati in altri casi non correlati attendevano il loro turno dietro una finestra, indossando il camice arancione fornito dal carcere.

La maggior parte dei 18 imputati si sono già dichiarati non colpevoli nel caso delle elezioni del 2020, che secondo i pubblici ministeri include l’ex avvocato di Trump Rudy Giuliani, l’ex presidente statale del GOP Kelly Ward e gli elettori pro-Trump che hanno tentato di mettere sotto accusa Biden. Successo elettorale perfetto. Giovedì il Senato dello Stato. Jake Hoffman (a destra) si è dichiarato non colpevole. Appare anche nel video con l’artwork di Ronald Reagan che indossa un cappello da cowboy mostrato dietro di lui. Nel corso della giornata, Hoffman e un altro coimputato, il Senato dello Stato. Anthony Kern (a destra) era tra la folla mentre Trump faceva la sua prima apparizione nello stato del campo di battaglia dopo la sua condanna per crimine a New York. Felice, l’ex presidente ha definito il suo processo una “frode” e ha detto “nessun crimine”.

READ  UConn ha sconfitto Miami nella partita per il titolo del campionato di basket maschile NCAA

Trump non è stato accusato in Arizona, ma nell’accusa è stato descritto come un co-cospiratore non accusato.

Dopo la sconfitta di Trump nel 2020, i suoi alleati hanno lavorato con avvocati, assistenti elettorali e attivisti repubblicani in sette stati per cercare di spostare i voti elettorali degli stati su Trump invece che su Biden, secondo i pubblici ministeri statali e federali e i documenti precedentemente rilasciati. La maggior parte degli imputati dell’Arizona o dei loro avvocati sostengono da tempo di non aver fatto nulla di male, ma Jan. I pubblici ministeri sostengono di aver tentato illegalmente di bloccare la certificazione della vittoria di Biden al Congresso il 6, 2021. I pubblici ministeri e molti degli imputati hanno affermato che le accuse erano motivate politicamente.

Meadows è apparso in streaming nell’aula del tribunale nel seminterrato, indossando un abito scuro e una cravatta blu reale. Il suo avvocato Meadows lo ha detto al commissario Aveva già completato i requisiti di prenotazione, che includevano una foto segnaletica e le impronte digitali. Non è chiaro se l’ufficio dello sceriffo abbia ottenuto il materiale; Un portavoce dell’ufficio ha detto venerdì che non c’erano “nessun aggiornamento” sulla disponibilità della foto segnaletica di Meadows.

In qualità di ultimo capo dello staff della Casa Bianca di Trump, Meadows è stato tra quelli più vicini al presidente, che secondo quanto riferito ha valutato un piano su come le legislature potrebbero cambiare le preferenze degli elettori nominando liste alternative di elettori di Trump. Gen. 6, 2021 Secondo i messaggi di testo ottenuti da un comitato della Camera che indagava sulle origini dell’attacco, il deputato Andy Biggs (Ariz.) era tra i membri del Congresso repubblicano che hanno comunicato con Meadows su una versione di tale strategia. Capitale americana.

READ  Previsioni area DC: Oggi soleggiato con brezza fresca; Si sta scaldando questa settimana

Meadows è stato accusato l’anno scorso di associazione a delinquere finalizzata a ribaltare la sconfitta di Trump nel 2020 in Georgia. Quella posizione e una denuncia per violazione di giuramento da parte di un pubblico ufficiale L’impegno di Trump nel gennaio 2021 Ha parlato al telefono con il segretario di Stato della Georgia Brad Raffensberger (a destra) mentre Trump cercava di fare pressione sul funzionario. Per invertire la vittoria di Biden. Quest’ultima accusa è stata respinta quest’anno dopo che il giudice che supervisionava il caso aveva affermato che l’accusa mancava di “dettagli sufficienti”.

Nel frattempo, Meadows ha minimizzato il suo ruolo nel programma elettorale, testimoniando davanti alla corte federale che non aveva alcun ruolo nello sforzo. Tuttavia, i pubblici ministeri hanno presentato prove che Meadows ha inviato un’e-mail nel dicembre 2020 in merito a un piano elettorale con un aiutante di lunga data della campagna di Trump.

Dopo difficoltà tecniche, Roman si è presentato davanti ad un muro bianco in giacca e cravatta. Più tardi, il suo avvocato in Arizona, Kurt Altman, ha affermato che le accuse contro Roman erano “eccessive” e “ingiustificate”.

“Non capiamo perché le accuse siano state mosse in primo luogo”, ha detto Altman.

Dopo la sconfitta di Trump, i documenti mostrano che Roman ha contribuito a coordinare un piano elettorale alternativo con gli avvocati di Trump. Secondo i documenti, ha svolto un ruolo chiave nell’aiutare a organizzare la strategia e ha comunicato con i principali repubblicani dello stato e altri sul piano dell’Arizona.

L’anno scorso è stato incriminato per sette capi d’accusa nell’area di Atlanta, tutti legati al suo coinvolgimento con le persone trans nello stato. Martedì, il procuratore generale del Wisconsin Josh Kaul (D) ha accusato Roman e i due uomini di un conteggio ciascuno. Falsificazione, secondo le denunce penali. Le tariffe sono legate al programma elettorale.

READ  Dovresti tirare lo sciacquone verso l'alto o verso il basso? Lo studio dice che non importa

Ha detto Altman, stando fuori dal tribunale di Phoenix. “Il signor Roman non ha intenzione di arrendersi.

Gli altri tre imputati si dichiareranno non colpevoli il 18 giugno. Tra questi c’è Boris Epstein, vicino all’ex presidente e ottimo consigliere per la sua campagna 2024.

Holly Bailey ad Atlanta ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *