I Pistons firmano l’allenatore Monty Williams con un contratto di 6 anni, 1 anno dopo aver firmato un contratto da 78,5 milioni di dollari: fonti

Monty Williams ha lasciato la carica di capo allenatore dei Detroit Pistons, secondo fonti della squadra Atletico. Il proprietario dei Pistons, Tom Kors, ha chiamato per lasciare la Williams nelle ultime 24 ore, secondo fonti del team.

Williams ha firmato uno dei contratti più grandi nella storia della NBA lo scorso giugno e gli restano circa 60 milioni di dollari sul suo contratto di sei anni. La decisione dei Pistons di separarsi dalla Williams arriva dopo una stagione in cui Detroit ha chiuso con le peggiori 14 vittorie della franchigia e ha sopportato una storica serie di 28 sconfitte consecutive iniziata quattro partite nella stagione e terminata il 30 dicembre.

La triste stagione 2023-24 dei Pistons è caduta ulteriormente nell’abisso durante la ricostruzione iniziata nel 2020 e non ha fatto progressi nella colonna vittorie-sconfitte. Il proprietario Tom Kors ha detto ai giornalisti a dicembre che il cambiamento stava arrivando e l’organizzazione ha effettuato diversi scambi prima della scadenza e ha aggiunto diversi nuovi giocatori a metà stagione, più recentemente assumendo Trajan Langdon come nuovo presidente delle operazioni di basket di Detroit. È un cambiamento che molti fan sperano presto.

Newsletter di impulso

Aggiornamenti sportivi giornalieri gratuiti direttamente nella tua casella di posta. Iscrizione

Aggiornamenti sportivi giornalieri gratuiti direttamente nella tua casella di posta. Iscrizione

acquistareAcquista la newsletter di Pulse

Durante i colloqui durante il processo di assunzione di Langdon, Kors disse ai candidati che potevano licenziare e assumere chi volevano.

Per mantenere il suo lavoro nella prossima stagione, Williams dovrà essere valutato e, a sua volta, sottoporsi al processo di intervista con Langdon. Secondo fonti della squadra e della lega, la Williams dovrebbe presentare un piano completo su come migliorare i Pistons in campo. Non solo Williams dovrà convincere il nuovo presidente del suo percorso da seguire, ma i due dovranno convincere Coors. Inoltre, coloro che erano coinvolti nella decisione di mantenere o spostare Williams volevano sapere con certezza se fosse veramente impegnato ad allenare una squadra in una situazione di ricostruzione. Fonti del team hanno affermato che l’organizzazione è alla ricerca di una sinergia completa da cima a fondo in questa offseason.

READ  PGA Championship Live: Scotty Scheffler gioca nonostante l'arresto per "aggressione a un agente di polizia"

Dopo aver vinto solo 17 partite nel 2022-23, Williams è stata ingaggiata con la speranza di aiutare una giovane squadra di Detroit a compiere passi nella giusta direzione. Dopo aver ristretto i candidati presentatigli durante il processo di assunzione lo scorso aprile e maggio, Kors ha steso il tappeto rosso e ha portato con sé Williams, che è stato recentemente licenziato dai Phoenix Suns e la cui moglie sta combattendo il cancro. Un’offerta che avrebbe potuto rifiutare.

per andare più in profondità

Vai più in profondità

A cosa dovrebbero dare priorità i Pistons in questa offseason?

L’offerta di Corse includeva un contratto che poteva raggiungere i 100 milioni di dollari con incentivi e benefici sanitari aggiuntivi, nonché l’accesso a un aereo privato per Williams, che inizialmente aveva rifiutato il lavoro, e per la sua famiglia da utilizzare mentre sua moglie era nel mezzo. Guerra. Ecco cosa Williams ha detto sul motivo per cui ha accettato l’incarico durante la sua conferenza stampa introduttiva:

“La risposta rapida è (Weaver), i giocatori e i soldi. Questa è la cosa di cui la gente non parla. Dicono che non sono i soldi. Rido di questo. Penso che sia irrispettoso. … Se qualcuno è abbastanza generoso da pagarmi quei soldi, uno, lo apprezzerei, due, devo parlarne. Mi piace vedere i giocatori eccellere. Mi piace vedere un ragazzo ottenere quello che serve in un momento critico. Ce ne sono solo 30, lo vedo.

Nel fine settimana prima di Natale, con i Pistons nella loro storica serie di sconfitte e solo due vittorie in stagione, Kors ha parlato con giornalisti selezionati. AtleticoAttraverso una videochiamata, ha ammesso di essere più coinvolto nella quotidianità rispetto al passato, poiché la sua squadra si trova in difficoltà e non c’è una risposta chiara in vista.

“Sono d’accordo con Monty e parlo di rotazioni. Normalmente non lo faccio”, ha detto Kors. “Monty è molto bravo, sa cosa sta facendo ed è disposto a parlarne. Dobbiamo farlo. cambia qualcosa. Posso dirti esattamente di cosa si tratta.” No. Ci stiamo immergendo troppo. Siamo due settimane avanti a te.

“Dobbiamo essere onesti e renderci conto che ci sono cose che non funzionano nella composizione della squadra. Certo, avremmo dovuto vincere qualche partita in più, ma quante? Tre o quattro? Chissà quale sarà quella cifra. Non siamo impostati nel modo in cui dovremmo essere impostati… Non credo che ci saranno cambiamenti in arrivo, Monty, ci saranno molte responsabilità Dobbiamo aggiungere e rimuovere Non sappiamo esattamente cosa siano.

Anche se Williams non aveva il roster migliore con cui lavorare (e gli infortuni di inizio stagione non hanno migliorato le cose), lui, insieme a tutti gli altri coinvolti, ha avuto un ruolo nell’epica sconfitta di Detroit. Ha iniziato la numero 7 del 2020 Gillian Hayes nelle prime 30 partite della squadra. I Pistons erano aperti a scambi o al passaggio da Hayes la scorsa estate, secondo fonti di squadra e campionato. Sotto ogni aspetto, Hayes era attualmente uno dei marcatori meno efficienti non solo nella NBA, ma nella storia del gioco. Tuttavia, il telaio da 6 piedi e 5 di Hayes, il movimento della palla e la difesa a volte accettabile hanno attirato Williams da lontano, e l’allenatore voleva avere la possibilità di rilanciare la carriera del giocatore della lotteria. Hayes è fuori dalla NBA da quando Detroit lo ha rinunciato l’8 febbraio.

per andare più in profondità

Vai più in profondità

Busta della posta dei Pistons, parte 1: il futuro di Monty Williams, Draft NBA 2024, Malik Monk e altro

Inoltre, la dipendenza di Williams da Hayes lo ha messo in svantaggio per la scelta n. 5 del 2023 Jaden Ivey, che ha guadagnato gli onori di All-Rookie nel suo primo anno. Dopo aver iniziato tutta la sua stagione da matricola, Ivey ha iniziato la sua seconda stagione.

READ  5 takeaway da Cowboys Week 1 of Giants – NBC 5 Dallas-Fort Worth

Ivy non era esattamente perfetta la scorsa stagione. Deve migliorare difensivamente e come decisore. Alcune abitudini dovevano essere rotte, ma Williams ha dato priorità allo sviluppo del gioco di Hayes, con il quale l’organizzazione era disposta a uscire dalla selezione dei primi cinque dell’anno precedente. Il problema non è l’uscita di Ivy dalla panchina. Le domande iniziarono a turbinare quando Ivey uscì dalla panchina e giocò meno minuti di Hayes durante i primi due mesi della stagione.

Ci fu un incontro organizzativo provvisorio a Detroit, e una cosa che lo staff fece notare a Williams fu che Ivy non stava facendo molto come battuta principale.

“Devo mangiarlo”, ha detto Williams. “Vorrei averlo fatto prima.”

La Williams si è impegnata a giocare con formazioni in panchina per gran parte della stagione, mantenendo un roster che non avrebbe dovuto andare più di sette o otto giocatori. Per gran parte della stagione, Kate Cunningham e Ivy sono state le pietre angolari del franchise quando sono diventate titolari a dicembre. Secondo NBA.com, dal 25 ottobre al 25 dicembre, la panchina di Detroit ha giocato i 13 minuti della NBA nonostante avesse il peggior plus-minus del campionato. Inoltre, la panchina dei Pistons ha ottenuto il peggior punteggio netto del campionato rispetto a qualsiasi panchina. Tuttavia, la Williams ha continuato a schierare formazioni ricche di riserve.

Nessuno è responsabile del fallimento totale di Detroit in una stagione. La perdita di questa portata fa crollare l’intera azienda. Tuttavia, il franchise non si sarebbe sparato e i Pistons non sono stati in grado di riportare indietro tutti i decisori chiave della peggiore stagione nella storia del franchise.

Langdon, ovviamente, ebbe la libertà di collaborare con l’organizzazione e decise di fare pulizia.

Lettura obbligatoria

(Foto: Tim Nwachukwu / Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *