I panda hanno sviluppato la loro caratteristica più confusa almeno 6 milioni di anni fa

Ma i loro antenati, come la maggior parte degli orsi, avevano una dieta molto ampia che includeva la carne. Si pensava che la dieta esclusiva dei panda moderni si fosse sviluppata relativamente di recente. Tuttavia, un nuovo studio Il particolare interesse dei panda per il bambù potrebbe essere apparso almeno 6 milioni di anni fa, probabilmente a causa della vasta disponibilità della pianta tutto l’anno.

Per sopravvivere solo su bambù a basso contenuto di nutrienti, i panda moderni (Ailuroboda melanoloca) hanno sviluppato un particolare sesto dito che consente di catturare facilmente gli steli di bambù e di rimuovere le foglie.

Il siamese Wang, ricercatore e ambientalista di archeologia dei vertebrati presso il Museo di storia naturale della contea di Los Angeles, ha dichiarato:

Wang e il suo team hanno trovato prove precedenti che i panda avevano dita in più, sotto forma di figure fossili risalenti a 6-7 milioni di anni. Il fossile trovato nella provincia dello Yunnan, nel sud-ovest della Cina, appartiene all’antenato panda noto come Ilurroctose.

Nuova ricerca pubblicata giovedì sulla rivista Scientific Reports.

Sebbene il sesto dito del panda gigante non sia elegante o efficiente come i pollici umani, lo studio ha rilevato che l’esistenza di questa “morfologia unica” per milioni di anni svolge una funzione essenziale per la sopravvivenza.

Compromesso evolutivo

Ma ciò che è stato particolarmente sconcertante per gli scienziati coinvolti nello studio era che questa struttura fossile era più lunga del sesto dito dei moderni panda giganti.

I batteri aiutano i panda a ottenere maggiori benefici dall'essere mangiatori di cibo, afferma lo studio

Wang e i suoi colleghi pensano alla sesta cifra corta dei panda moderni È un compromesso evolutivo tra la necessità di maneggiare il bambù e la necessità di camminare con i loro corpi più pesanti.

READ  La Russia riprende i bombardamenti a lungo raggio delle città ucraine

“Da cinque a sei milioni di anni avrebbero dovuto essere sufficienti perché il panda creasse lunghi falsi pollici, ma la pressione evolutiva per viaggiare e sopportarne il peso ha mantenuto il ‘pollice’ corto – abbastanza forte da essere efficace senza essere grande. Abbastanza per entrare nel modo”, ha affermato la School of Human Evolution and Social Change. Denise Su, professoressa e ricercatrice presso l’Institute of Human Origin dell’Arizona State University, ha affermato in una dichiarazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.