Guerra in Ucraina: l’incursione di Belgorod potrebbe allungare le difese della Russia

  • Due gruppi armati hanno rivendicato l’attacco
  • Kiev prende in giro la negazione del coinvolgimento militare da parte del Cremlino
  • Una corda per un contrattacco contro un’invasione russa

LONDRA/KYIV, 24 maggio (Reuters) – Un’incursione di due giorni dall’Ucraina nelle regioni di confine occidentale della Russia potrebbe costringere il Cremlino a deviare le truppe dalla linea del fronte e Kiev a preparare una grande controffensiva, attaccando psicologicamente Mosca, hanno detto gli analisti militari.

Sebbene Kiev abbia negato qualsiasi ruolo, la più grande offensiva transfrontaliera dall’Ucraina da quando la Russia ha invaso 15 mesi fa è stata quasi certamente coordinata con le forze armate ucraine che cercavano di riconquistare la regione, hanno aggiunto gli esperti.

“Gli ucraini stanno cercando di spingere i russi in direzioni diverse per aprire dei varchi. I russi sono costretti a inviare rinforzi”, ha detto Neil Melvin, analista del Royal United Services Institute (RUSI).

L’Ucraina dice che sta pianificando un’importante controffensiva per riconquistare il territorio occupato, ma la Russia ha costruito vaste fortificazioni pronte a raggiungere l’est e il sud dei suoi vicini.

L’incursione è avvenuta lontano dal cuore dei combattimenti nella regione orientale del Donbas in Ucraina ea circa 100 miglia (160 km) dalle linee del fronte nella regione settentrionale di Kharkiv.

“Devono rispondere a questo e mettere truppe lì, e poi avere molte truppe in tutta l’area di confine, anche se non è un ostacolo per gli ucraini”, ha detto Melvin.

Martedì l’esercito russo ha risposto al fuoco contro i militanti che hanno preso d’assalto la sua regione occidentale di Belgorod con veicoli blindati, uccidendo più di 70 “nazionalisti ucraini” e respingendo gli altri in Ucraina.

READ  Federal Reserve Board - Il Federal Reserve Board pubblica i risultati del suo stress test annuale sulle banche, che dimostra che le grandi banche sono ben posizionate per resistere a una grave recessione e continuano a prestare a famiglie e imprese anche durante gravi recessioni.

Kiev ha affermato che l’attacco è stato effettuato da civili russi, definendolo un disordini civili russi. Due gruppi operanti in Ucraina – il Corpo dei Volontari Russi (RVC) e la Brigata della Libertà della Russia – hanno rivendicato la responsabilità.

I gruppi si sono formati durante l’invasione su vasta scala della Russia e hanno attirato combattenti volontari russi che vogliono combattere contro il proprio paese e rovesciare il presidente Vladimir Putin insieme all’Ucraina.

Mark Galiotti, capo della società di consulenza di intelligence con sede a Londra Mayak e autore di diversi libri sull’esercito russo, ha affermato che entrambi i gruppi includevano russi anti-Cremlino che vanno dai liberali e anarchici ai neonazisti.

“Credono di poter contribuire in piccola parte alla caduta del regime di Putin. Ma allo stesso tempo, dobbiamo renderci conto che queste non sono forze indipendenti… sono controllate dall’intelligence militare ucraina”, ha detto. disse.

L’aiutante presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak ha ribadito la posizione di Kiev che non ha nulla a che fare con la mossa.

Gli Stati Uniti affermano di non “dirigere o incoraggiare” gli attacchi ucraini sul territorio russo, ma spetta a Kiev decidere come condurre le operazioni militari.

In questa foto pubblicata il 23 maggio 2023, una vista mostra edifici danneggiati nella regione di Belgorod dopo che le misure antiterrorismo introdotte a causa di presunte infiltrazioni transfrontaliere dall’Ucraina sono state revocate. Vyacheslav Kladkov della regione russa di Belgorod tramite Telegram/Handout tramite REUTERS

Ci sono state diverse incursioni simili in Russia negli ultimi mesi, e sebbene quella di questa settimana sia stata la più grande finora conosciuta, impallidisce ancora rispetto alle battaglie in prima linea.

Echi del 2014?

Alexei Baranovsky, un portavoce dell’ala politica della Legione Libertà della Russia, ha detto a Reuters a Kiev di non poter rivelare il numero delle truppe coinvolte nell’operazione, ma che la brigata aveva un totale di quattro battaglioni.

Baranovsky ha negato che ci siano state gravi perdite e ha respinto i rapporti russi di gravi perdite come disinformazione.

READ  Voci della MLB: Frankie Montas è ora il bersaglio numero 1 degli Yankees; Le Montagne Rocciose possono tenere Daniel Bard

Ha detto che l’unità faceva parte del corpo internazionale dell’Ucraina e quindi parte delle sue forze armate, ma ha negato che l’infiltrazione fosse coordinata con le autorità ucraine.

“Questi sono i primi passi verso l’obiettivo principale di rovesciare il regime di Putin con la forza delle armi. Non ci sono altre alternative”, ha detto.

Galiotti ha affermato che l’incursione sembra essere un’operazione di “formazione” sul campo di battaglia ucraino in vista di una controffensiva pianificata da Kiev.

“… Questa è davvero un’opportunità per fare due cose. Uno è sconvolgere i russi, farli preoccupare della possibilità di una rivolta tra la loro stessa gente. Ma secondo, costringere i russi a sciogliere le loro forze”, ha detto.

Melvin ha osservato che la mossa ha anche contribuito a sollevare il morale in Ucraina.

I funzionari di Kiev hanno fatto eco alla retorica del Cremlino sull’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014.

Podoliak ha accusato l’incursione di Belgorod di “gruppi di guerriglia sotterranei” composti da civili russi: “Sai, i carri armati sono venduti in qualsiasi negozio militare russo”.

Il commento sembrava fare eco alla risposta di Putin nel 2014 quando gli fu chiesto della presenza di uomini in uniformi militari russe non contrassegnate in Crimea: “Puoi andare in un negozio e comprare qualsiasi tipo di uniforme”.

Sui social media, gli ucraini hanno fatto riferimento a quella che hanno chiamato la “Repubblica popolare di Belgorod” – un cenno agli eventi nell’Ucraina orientale nel 2014, quando le milizie filo-russe hanno dichiarato “repubbliche popolari” nelle regioni ucraine di Donetsk e Luhansk.

All’inizio dell’invasione nel febbraio 2022, gli ucraini hanno anche fatto circolare un video del presidente Volodymyr Zelensky che pronunciava il suo famoso video discorso “Sono qui” da Kiev. Ma invece dell’ufficio presidenziale a Kiev, il cartello di benvenuto è stato mostrato alla città sullo sfondo. Belgorod.

READ  Guerra Israele-Hamas: il bilancio delle vittime palestinesi a Gaza supera quota 25.000

Segnalazioni aggiuntive di Max Hunter a Kiev e Agnieszka Bikulicka-Wilczewska a Varsavia; Montaggio di Mike Collette-White e Mark Heinrich

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *