Gli attraversamenti di immigrati al confine tra Stati Uniti e Messico diminuiscono dopo la scadenza del titolo 42

WASHINGTON, 14 maggio (Reuters) – I valichi di immigrati al confine tra Stati Uniti e Messico sono inaspettatamente diminuiti, non aumentati, dalla scadenza delle sanzioni del Titolo 42, ha affermato domenica l’amministrazione Biden, in gran parte a causa del ripristino delle sanzioni penali per ingresso illegale.

Il segretario per la sicurezza interna degli Stati Uniti, Alejandro Mayorgas, ha affermato che gli agenti della pattuglia di frontiera hanno visto un calo del 50% nel numero di migranti che attraversano il confine da giovedì, poiché l’amministrazione del presidente Joe Biden è passata a nuovi controlli sull’asilo volti a frenare gli attraversamenti illegali.

“I numeri che abbiamo riscontrato negli ultimi due giorni sono significativamente inferiori a quelli che erano prima della fine del titolo 42”, ha detto Mayorkas durante il programma “State of the Union” della CNN. Ha detto che ci sono stati 6.300 valichi di frontiera venerdì e 4.200 sabato, ma ha avvertito che è ancora presto per il nuovo regime.

Mayorkas ha accreditato sanzioni penali per gli immigrati che entrano illegalmente nel paese, che sono state ripristinate dalla legge vigente dopo la scadenza del titolo 42, per la diminuzione degli attraversamenti. La regola dell’era Covid, adottata sotto l’ex presidente Donald Trump, ha consentito ai funzionari di espellere rapidamente gli immigrati senza procedure di asilo, ma non ha imposto multe.

Alla domanda su come sperava stesse andando la situazione al confine durante un giro in bicicletta vicino alla sua casa per le vacanze a Rehoboth Beach, nel Delaware, Biden ha risposto: “Molto meglio di quanto vi aspettaste”.

Biden ha detto che non ha intenzione di visitare presto il confine.

READ  Aggiornamenti in tempo reale sulle inondazioni del Kentucky: Beshear mobilita la Guardia Nazionale

Il piano dell’amministrazione Biden richiederebbe agli immigrati di fissare un appuntamento per l’immigrazione tramite un’app o di ottenere protezione dai paesi che attraversano mentre si dirigono verso il confine con gli Stati Uniti. Se non seguono il processo e vengono sorpresi a entrare illegalmente negli Stati Uniti, non potranno riprovare per cinque anni. Altri reati sono puniti con la reclusione.

“C’è un modo legale, sicuro e ordinato per venire negli Stati Uniti. Questo è il percorso che il presidente Biden ha ampliato senza precedenti, e ci sono conseguenze se non si usano quei percorsi legali”, ha detto Mayorkas.

I funzionari delle comunità lungo il confine hanno riconosciuto di non aver visto l’afflusso di migranti che molti temono possa mettere ulteriormente a dura prova le strutture e le città di confine degli Stati Uniti.

“La quantità di immigrazione che inizialmente ci aspettavamo – il grande flusso – non è ancora arrivata”, ha detto Victor Trevino, sindaco di Laredo, Texas, a “Face the Nation” di CBS News.

Ma i repubblicani, che controllano la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, hanno avvertito che uno sconvolgimento era ancora possibile.

“Penso che le carovane stiano salendo. Penso che vogliano trasferirsi di più”, ha detto il rappresentante Michael McCaul in “This Week” della ABC.

Il rappresentante Mark Green, il presidente repubblicano del Comitato per la sicurezza interna della Camera, ha dichiarato alla CNN: “Ciò che il segretario non ha detto è che questa settimana ha visto più incroci che in qualsiasi altro momento, in qualsiasi settimana della nostra storia”.

READ  Qual è l'effetto a cascata se i Red Sox spostano Xander Bogaerts all'interno?

Mayorkas ha difeso la politica dell’amministrazione Biden contro una causa intentata dall’American Civil Liberties Union secondo cui le restrizioni violano le leggi statunitensi e i trattati internazionali.

“Questo non è un divieto di asilo. Abbiamo un obbligo umanitario e una preoccupazione per la sicurezza di abbattere i trafficanti spietati”, ha detto alla ABC.

Un sistema di immigrazione ‘rotto’

Con la politica di immigrazione degli Stati Uniti allo sbando, le strutture di detenzione, gli ospedali e le città sono state lasciate in difficoltà dopo che decine di migliaia di migranti hanno attraversato fiumi, scalato muri e argini negli Stati Uniti la scorsa settimana, pochi giorni prima della scadenza del titolo 42.

Trevino ha affermato che gli ospedali sono al completo o quasi, non ci sono unità di terapia intensiva pediatrica ed è in vigore una dichiarazione di emergenza.

Il sindaco di El Paso, Oscar Leiser, ha detto alla CBS che la Croce Rossa sta aiutando organizzazioni private e gruppi ecclesiastici a fornire cibo e altra assistenza agli sfollati.

“Il processo di immigrazione è interrotto. Non c’è scelta al riguardo. Ma stiamo ottenendo le risorse di cui abbiamo bisogno”, ha detto Leiser.

C’è stato poco movimento verso un accordo bipartisan per affrontare l’immigrazione al Congresso.

Giovedì, prima della scadenza del titolo 42, i repubblicani della Camera hanno approvato una legislazione che riprenderà la costruzione del muro di confine, amplierà gli sforzi delle forze dell’ordine federali e richiederà ai richiedenti asilo di richiedere la protezione degli Stati Uniti al di fuori del paese.

È improbabile che il disegno di legge repubblicano venga accolto dal Senato controllato dai democratici.

READ  Duca contro KANSAS SCORE, TAKEAWAYS: Jalen Wilson guida i Blue Devils contro il rally in ritardo di Jayhawks in Champions Classic

Sara n. Reportage di Lynch e Tyler Clifford; Scritto da David Morgan; Montaggio di Don Durfee e Cynthia Osterman

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *