Farhan Zaidi delinea l’aggressiva ricerca dei Giants nei confronti di Shohei Ohtani – NBC Sports Bay Area e California

I Giants non hanno conquistato la superstar giapponese Shohei Ohtani, ma non è stato per mancanza di tentativi.

Ohtani ha firmato uno storico contratto decennale da 700 milioni di dollari con i Los Angeles Dodgers che includeva estensioni senza precedenti che hanno sbalordito il mondo MLB quando i dettagli sono emersi lunedì.

Dopo aver eliminato Ohtani, martedì i Giants avrebbero firmato un contratto di sei anni da 113 milioni di dollari con l’outfielder coreano Jung Hoo Lee. Il presidente delle operazioni di baseball dei Giants, Farhan Zaidi, ha parlato con i giornalisti in una teleconferenza e, sebbene Lee non abbia potuto discutere della mossa segnalata perché l’accordo non era ufficiale, ha fornito una cronologia dettagliata per l’inseguimento di Ohtani. .

Zaidi ha rivelato che il gruppo di Ohtani cercava offerte anticipate e quello che sarebbe stato il “più grande contratto nella storia della major league” nel tentativo di mostrare quanto fossero aggressivi e interessati i Giants nei suoi confronti. Zaidi ha detto che il campo di Ohtani ha poi impiegato del tempo per valutare le offerte iniziali con termini e statistiche raffinati, a cui i Giants hanno rapidamente accettato.

Zaidi ha anche confermato le voci secondo cui i Giants avrebbero ospitato Ohtani durante la sua visita del 2 dicembre a Oracle Park.

“Per tutto il tempo, ovviamente, eravamo davvero entusiasti che venissero a San Francisco e incontrassero alcuni di noi, si incontrassero di persona e parlassero di cose”, ha detto Zaidi. “È successo lo scorso fine settimana prima degli incontri invernali e abbiamo pensato che fosse un incontro davvero utile con il rappresentante del giocatore. Un gruppo molto piccolo ma abbiamo affrontato alcune preoccupazioni e abbiamo affrontato quello che pensavamo fosse il nostro piano a lungo termine. ” Siamo stati molto positivi e quegli incontri sono stati molto utili. Dopo ci siamo sentiti molto meglio.”

READ  Il candidato del GOP del New Mexico Solomon Pena ha visitato le case dei politici democratici per discutere delle elezioni prima della sparatoria, dicono i funzionari.

Zaidi ha condiviso che durante gli incontri invernali della MLB, il campo di Ohtani ha proposto a tutte le squadre rimanenti una struttura contrattuale simile all’accordo finale con i Dodgers.

“Ciò che ci hanno proposto, concettualmente, non era una sorta di offerta formale, ma sembra l’accordo perfetto che hanno concluso”, ha detto Zaidi. “È stato sicuramente un accordo insolito e abbiamo capito sicuramente i vantaggi per il giocatore ma anche per la squadra. Anche in questo caso si trattava di una deviazione dalla nostra offerta precedente, ma pensavamo che fosse qualcosa che potevamo gestire. Quindi, l’abbiamo cambiato rapidamente. Abbiamo è venuto da me e ha detto che saremmo stati d’accordo.

I Giants erano d’accordo con tutto ciò che il campo di Ohtani richiedeva, alla fine dicendo che ora era nelle mani del giocatore, con Ohtani che si prendeva il suo tempo per decidere quale offerta accettare al termine delle trattative finanziarie. Zaidi e i Giants hanno chiesto al campo di Ohtani se c’era qualcosa che potevano fare per migliorare la loro posizione e, dopo le loro tre offerte di contratto, si sono resi conto che la proposta di ciascuna squadra era nello stesso range.

Zaidi ha ammesso che San Francisco era fiducioso nella sua offerta, ma i dubbi hanno cominciato a insinuarsi a causa del desiderio di Ohtani di rimanere nel sud della California.

“Penso che ad un certo punto ci siamo sentiti abbastanza bene riguardo alle nostre possibilità”, ha detto Zaidi. “In altri posti, come sempre, hai qualche domanda o dubbio perché sai che è molto competitivo.

“Una cosa – nelle nostre conversazioni dirette con il giocatore e il suo agente ma anche nel nostro tipo di lavoro di background, parlando con persone del settore – sembrava essere geograficamente importante. Non era un imperativo assoluto o un contratto. -Breaker, ovviamente, ha dato un sacco di squadre interessate. Nel sud della California abbiamo capito che c’era il desiderio di restare e sapevamo che sarebbe stata una sfida per noi.”

READ  Il Texas si rifiuta di rispettare la lettera di cessazione e desistenza dell’amministrazione Biden sull’accesso alle frontiere

I Giants presentarono la loro offerta finale e, dopo 24 ore senza una risoluzione, era chiaro che Ohtani e il suo gruppo stavano andando in una direzione diversa.

Anche se i Giants non se ne andassero con Ohtani, Zaidi ha chiarito che l’organizzazione, da cima a fondo, è impegnata a fare tutto il possibile per ottenere il due volte MVP dell’AL.

“Volevo rilasciare un po’ quella battuta,” ha detto Zaidi. “In primo luogo, per dimostrare il livello di impegno che abbiamo avuto da parte del nostro team in franchising in questa impresa, infatti, ogni obiettivo finanziario e richiesta da parte del loro gruppo è stato soddisfatto molto rapidamente.

“Due, per chiarire qualsiasi altra domanda sulla scadenza, cosa sarebbe potuto succedere e l’integrità del nostro impegno in totale trasparenza e il fatto che abbiamo utilizzato molte leve per cercare di portare a termine le cose. Siamo stati lasciati indietro in base alle preferenze dei giocatori – la geografia, in particolare – alla fine, si tratta di libertà d’azione. Scelta per un giocatore, e quando parli di una generazione di giocatori che avrà grandi scelte e spunterà ogni casella che sta cercando per.”

I Giants – come il precedente inseguimento di free-agent superstar – erano di nuovo lì alla fine e alla fine accettarono un’offerta simile alla firma del giocatore. Ora, con l’inseguimento di Ohtani nello specchietto retrovisore, Zaidi e Co. Continueranno a cercare aggiornamenti a un roster che sperano possa competere per un posto nei playoff nel 2024.

Scarica e segui il podcast Giant’s Talk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *