Elon Musk è disposto a sacrificare i margini di Tesla per la quota di mercato

Elon Musk ha indicato di essere disposto a sacrificare i profitti di Tesla in una spinta aggressiva per la quota di mercato a breve termine, e quindi le auto dell’azienda saranno completamente autonome in modo che possano guadagnare denaro extra attraverso “robotaxis” con l’obiettivo di fare più soldi.

La giustificazione non ortodossa dell’amministratore delegato di Tesla per cui gli azionisti dovrebbero aspettarsi profitti inferiori arriva quando la casa automobilistica elettrica statunitense ha annunciato tagli di prezzo quest’anno, spingendo i suoi margini di profitto al di sotto delle previsioni già ridotte per il primo trimestre.

I suoi commenti sulla chiamata degli utili di mercoledì hanno fatto scendere le azioni Tesla nel trading after-market, aggiungendo un altro 6% al calo del 10% che hanno subito dall’inizio del mese a causa delle preoccupazioni per il calo della domanda.

Una serie di riduzioni dei prezzi dall’inizio dell’anno ha spinto il margine di profitto lordo di Tesla al 19,3% nel primo trimestre, meno di quanto indicato dalla società quando ha iniziato a tagliare i prezzi e 10 punti percentuali in meno rispetto al record di un anno. Prima.

“Questo è un buon momento per aumentare il nostro vantaggio e investire nella crescita il più rapidamente possibile”, ha detto Musk a proposito delle riduzioni di prezzo. Ha detto che Tesla ha un “distinto vantaggio strategico” nel fare soldi dalle auto su strada una volta che diventano completamente autonome.

“Siamo gli unici a produrre auto che possiamo tecnicamente vendere a zero profitti ora e realizzare enormi profitti dall’autonomia in futuro”, ha affermato.

La società ha ripetutamente mancato gli obiettivi di Musk per la piena autonomia e ha fornito solo una spiegazione dettagliata di come i proprietari di Tesla possono guadagnare commissioni noleggiando le loro auto personali come taxi senza conducente.

READ  China East Accident Investigation Azione deliberata - Fonti

Finora Wall Street ha avuto una visione ottimista delle riduzioni di prezzo di Tesla, sperando che la volontà del gruppo di sacrificare parte del suo potere leader del settore per mantenere le vendite aumenterà il suo vantaggio rispetto ad altre case automobilistiche elettriche. Sebbene le sue azioni siano ancora in aumento del 67% dall’inizio del 2023, l’apparente preferenza di Musk è di vedere i margini diminuire ulteriormente, con segnali che i tagli di prezzo hanno leggermente aumentato le vendite quest’anno.

Poiché Tesla si è concentrata sulla quota di mercato piuttosto che sui profitti, gli utili per azione rettificati sono diminuiti del 21% nel primo trimestre, anche se i ricavi sono aumentati del 24% rispetto all’anno precedente. Sulla maggior parte delle misure, come i margini del flusso di cassa e il margine di profitto operativo, il profitto di Tesla è sceso al livello più basso in due anni, mentre il suo margine lordo è rimasto ai livelli visti tre anni fa.

Nonostante il calo degli utili, Tesla ha comunque soddisfatto le aspettative sui ricavi di Wall Street, con utili rettificati di 85 centesimi per azione su ricavi di 23,3 miliardi di dollari. Su base contabile regolare, i guadagni sono scesi a 73 centesimi dai 95 centesimi di un anno fa.

Tesla ha annunciato riduzioni di prezzo fino al 20% su alcune versioni dei suoi veicoli più venduti, la Model 3 e la Model Y. Tuttavia, il numero di veicoli consegnati nel trimestre rispetto all’ultimo trimestre del 2022 è aumentato solo del 4%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *