È morto il cantante di “What You Won’t Do For Love”, Bobby Caldwell

Il cantante R&B Bobby Caldwell ha avuto un grande successo nel 1978 con “What You Won’t Do for Love”.

Bobby Caldwell, un cantante e cantautore R&B pieno di sentimento il cui successo del 1978 “What You Won’t Do for Love” e una voce e uno stile musicale ammirati da generazioni di suoi coetanei, è morto, ha detto sua moglie mercoledì.

Mary Caldwell ha detto all’Associated Press che è morto tra le sue braccia martedì nella loro casa di Great Meadows, nel New Jersey, dopo una lunga malattia. Ha 71 anni.

La soft soul jam “What You Won’t Do for Love” è arrivata al numero 9 della Billboard Hot 100 e al numero 6 della classifica Hot Selling Soul Singles. È diventato un successo duraturo e determinante per la carriera di Caldwell, che ha scritto la canzone.

La canzone è stata interpretata da artisti tra cui Boyz II Men e Michael Bolton, ed è stata campionata da Tupac Shakur nella sua canzone pubblicata postuma “Too For Love”.

Altre canzoni di Caldwell sono state campionate da artisti hip-hop tra cui The Notorious Big, Common, Lil Nas X e Chance the Rapper.

Le storie abbondano, molte delle quali condivise sui social media dopo la sua morte, in cui gli ascoltatori sono rimasti sorpresi nell’apprendere che Caldwell non era né bianco né nero.

Caldwell ha fatto solo un’apparizione cameo nel suo omonimo album di debutto da solista, in cui appare “What You Won’t Do for Love”.

READ  Sam Bankman-Fried si è dimesso dalla carica di CEO di FTX. Il suo scambio di criptovalute dichiara bancarotta

“Caldwell è il capitolo finale di una generazione in cui i dirigenti discografici volevano nascondere i volti sulle copertine degli album, solo così il loro artista avrebbe potuto avere una possibilità”, ha detto Questlove su Instagram.

“Grazie #BobbyCaldwell per la tua voce e il tuo regalo”, ha scritto Questlove.

Chance the Rapper ha preso su Instagram per condividere uno screenshot di uno scambio dal vivo che ha avuto con Caldwell l’anno scorso quando ha chiesto di usare la sua musica.

“Sarei onorato se campionassi la mia canzone”, ha scritto Caldwell.

“Sei un’ispirazione per me e per molti altri”, gli disse Chance. Ha detto nel post che non era mai stato ringraziato per aver cantato una canzone prima e che “non si era sentito così a pezzi quando uno sconosciuto è passato da così tanto tempo”.

Nato a New York e cresciuto a Miami, Caldwell era figlio di cantanti che hanno ospitato il varietà musicale “Suppertime”. Polistrumentista, ha iniziato a esibirsi professionalmente all’età di 17 anni e ha avuto la sua svolta suonando la chitarra nella band di Little Richard nei primi anni ’70. A metà degli anni ’70, Caldwell ha suonato in varie band da bar a Los Angeles prima di ottenere un contratto discografico da solista.

Caldwell potrebbe non aver avuto un successo vicino a “What You Won’t Do for Love”, ma ha pubblicato diversi album rispettabili negli anni ’80, tra cui “Cat in the Hat” – in cui appare in primo piano sulla copertina, indossando un fedora . – e “Carry On” del 1982, in cui era il produttore di se stesso e suonava tutti gli strumenti.

READ  Puntate superiori alla decisione RBA; Il BMI di Kaixin è inferiore a 50

La sua canzone “Open Your Eyes” da “Cat in the Hat” è stata interpretata da John Legend e campionata da Common nel suo singolo del 2000 nominato ai Grammy “The Light”.

Negli anni ’90, Caldwell ha registrato ed eseguito standard americani, comprese le canzoni rese famose dai suoi innamorati d’infanzia Frank Sinatra e Nat King Cole.

Oltre a sua moglie da 19 anni, Mary, Caldwell lascia le figlie Lauren e Tessa e la figliastra Katie.

___

Segui lo scrittore di AP Entertainment Andrew Dalton su Twitter: https://twitter.com/andyjamesdalton

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *