Cosa sapere sull’accordo tra Camera e NCAA e su una giornata storica per gli sport universitari

La NCAA e i suoi organi di governo hanno concordato giovedì di consentire agli atleti universitari di essere pagati direttamente dalle università concorrenti, segnando una potenziale rottura con il secolare sistema amatoriale dell’organizzazione.

Entrambe le parti nella causa collettiva della Camera contro NCAA Regolamento debitamente notificato L’accordo multimiliardario rimodellerebbe gli sport universitari, compresi 2,75 miliardi di dollari di danni arretrati che la NCAA deve agli ex atleti della Divisione I, nonché un futuro modello di condivisione delle entrate tra scuole e atleti della conferenza di potere.

“Questo accordo storico porterà gli sport universitari nel 21° secolo, consentendo agli atleti universitari di ricevere una giusta quota dei miliardi di dollari di entrate che generano per le loro scuole”, ha affermato Steve Berman, uno dei principali avvocati della parte attrice. Comunicato stampa.

Una settimana dopo, il consiglio dei governatori della NCAA e i presidenti delle conferenze Power 5 – ACC, Big 12, Big Ten, Pac-12 e SEC – hanno votato tutti per approvare i regolamenti proposti. Il presidente della NCAA Charlie Baker lo ha descritto come “un passo importante nella continua riforma dello sport universitario”, un’istituzione che ha dovuto affrontare un assalto di sfide legali e cambiamenti politici negli ultimi anni.

“Abbiamo percorso questa lunga strada legale chiedendo giustizia economica negli sport universitari per più di un decennio, ma è finalmente giunto il momento di realizzare un sistema di compensazione più equo per gli atleti universitari”, ha affermato l’avvocato Jeffrey Kessler, un altro attore principale.

Ecco cosa devi sapere e cosa cercare da una giornata storica per l’atletica universitaria.

espressioni di soluzione

Nelle ultime settimane sono stati riportati diversi dettagli sulla transazione, tra cui titoli a grandi linee e modelli di pagamento inadeguati.

Vai più in profondità

In che modo l’accordo House v. NCAA potrebbe cambiare gli sport universitari: cosa devi sapere

L’annuncio ha confermato che l’importo totale del risarcimento dei danni è stato “superiore a 2,75 miliardi di dollari” ed è stato pagato in un periodo di 10 anni.

Per quanto riguarda la condivisione delle entrate, ha osservato che una media del 22% delle entrate dei piani di e-conferencing destinate alla condivisione delle entrate riguarda il primo anno dell’accordo – e ciò aumenterà nel tempo – e il 22% si tradurrà in compartecipazione alle entrate. . Si prevede che saranno “più di 20 milioni di dollari per scuola all’anno”. La cifra di 20 milioni di dollari è ampiamente citata come una cifra approssimativa sulla base delle recenti entrate delle conferenze sul potere, ed è in realtà un buon punto di partenza. Questo è facoltativo; Le scuole possono scegliere un modello di distribuzione delle entrate e decidere quali atleti vogliono pagare. La quantità di denaro pagata agli atleti cresce leggermente ogni anno man mano che aumentano le entrate complessive previste dalle conferenze sul potere.

READ  Tesla ha consegnato 405.278 auto nel trimestre ma ha mancato l'obiettivo

Il comunicato descrive la condivisione delle entrate come “borse di studio, pagamenti NIL di terze parti, assistenza sanitaria e altri benefici che gli atleti universitari già ricevono” e stima che in un periodo di liquidazione di 10 anni, il valore totale supererà i 20 dollari. miliardi, rendendolo uno dei più grandi accordi di class action antitrust della storia.

Per quanto riguarda la ripartizione del pagamento di “più di 2,75 miliardi di dollari” di danni retroattivi in ​​10 anni, la NCAA è responsabile di circa 1,2 miliardi di dollari, ovvero il 41%, della riserva. Le conferenze sull’energia ottengono circa il 24% delle entrate future, i gruppi di 5 circa il 10%, le scuole FCS circa il 13% e le scuole DI non calcistiche circa il 12%.

C’è la sensazione tra i programmi più piccoli, soprattutto quando la causa della Camera era rivolta principalmente ai programmi delle conferenze di potere, che il modello imponga loro un onere finanziario sproporzionato.

Anche i limiti delle borse di studio NCAA vengono eliminati dall’accordo, con conseguenti limitazioni degli elenchi. Nel comunicato non sono stati forniti dettagli o specificità e non sono stati completamente risolti, ma ci si aspetta che le scuole abbiano una certa flessibilità nel modo in cui vengono distribuite le borse di studio per lo sport. Ciò potrebbe creare alcune sfide numeriche nell’adattare gli attuali limiti delle borse di studio entro i limiti dell’elenco più ampio.

Altri casi antitrust

L’accordo della Camera era in realtà basato sui casi Hubbard v. NCAA e Carter v. Altri due casi antitrust di alto profilo, rappresentati dai ricorrenti Berman e Kessler nel distretto settentrionale della California, risolveranno la NCAA. Fonti informate sul processo di negoziazione Atletico Risolvere queste ulteriori cause legali è un aspetto chiave dei termini della transazione per la NCAA, che si spera possa fornire un po’ di sollievo dal contenzioso.

per andare più in profondità

Vai più in profondità

Perché la NCAA propone una nuova suddivisione? Spiegare le relative lotte legali

Resta da vedere la portata di tale sollievo, come evidenziato da una sentenza in un diverso caso antitrust. Fontenot c. La NCAA è una causa separata intentata in Colorado che chiede la certificazione di un’azione collettiva e afferma che le regole che vietano i compensi “pay-for-play” violano la legge antitrust. Questi includono Carter v. Le affermazioni sono simili a quelle affermate nella NCAA. Giovedì è stata respinta una richiesta della NCAA di trasferire il caso Fontenot allo stesso tribunale del distretto settentrionale della California e di consolidarlo con Carter. Mentre il caso Fontenot si trova in un tribunale del Colorado, i rappresentanti dei querelanti ritengono che le loro richieste siano più ampie del caso Carter e potrebbero influenzare altri atleti universitari a rinunciare alle lezioni di transazione della Camera o ad opporsi e perseguire una risoluzione diversa.

READ  Il primo lancio della Crew Starliner della Boeing è stato nuovamente ritardato da problemi al computer

“Abbiamo portato avanti il ​​caso Fontenot per lottare per diritti migliori per la prossima generazione di atleti universitari e, mentre stiamo ancora aspettando di valutare appieno questo accordo transattivo proposto, nutriamo alcune preoccupazioni in base a quanto riportato”, ha affermato Garrett Broshuis, un avvocato nel caso Fontenot. Atletico. “Continueremo a lottare per questi atleti collegiali che meritano una rappresentanza continua”.

Resta da determinare il pieno impatto di Fontenot sul resto del Colorado. Sia gli avvocati del querelante che la NCAA ritengono che risolvere il caso Carter come parte dell’accordo della Camera oscurerebbe le affermazioni di Fontenot e impedirebbe loro di andare avanti. Tale decisione dipende in ultima analisi dall’accordo della Camera e dall’approvazione o meno di tali termini da parte del giudice Claudia Wilken, che presiede il caso della Camera.

“Il giudice (Wilken) ha chiarito che se ci fosse un accordo che includesse le affermazioni di Fontenot, non avrebbe permesso che tali affermazioni procedessero su base di classe in Colorado”, ha detto Berman. Atletico. “Quindi, nella migliore delle ipotesi, l’azione collettiva proposta da Fontenot è di breve durata e non influisce sull’accordo (abitativo)”.

“Se un accordo verrà approvato nel caso della Camera, risolverà tutte le controversie nel caso Fontenot, e non ha molta importanza dove verrà ascoltato Fontenot”, ha detto Kessler. Atletico.

Prossimi passi nel processo di soluzione

Nonostante sia stato segnalato un accordo tra le due parti, non sono stati definiti i dettagli della transazione. Per una transazione collettiva, i termini devono essere sottoposti al giudice Wilken per l’approvazione preliminare, che dovrebbe essere effettuata entro i prossimi 30-45 giorni. Se viene concessa l’approvazione preliminare, c’è un periodo di diversi mesi durante il quale vengono notificati i danni retroattivi e le future classi di compartecipazione alle entrate e si ha la possibilità di rinunciare o opporsi ai termini dell’accordo. Il verdetto del giudice. Segue l’udienza finale di approvazione e in quel momento, se il giudice approva, la transazione diventa ufficialmente effettiva.

Quindi, anche senza alcuna modifica, l’accordo non sarà completato prima della fine dell’anno, molto presto.

“Se verrà raggiunto un accordo, ciò porterà per la prima volta a un sistema di compensazione veramente equo, in cui gli atleti potranno ricevere un ritorno storico per il loro contributo al loro sport”, ha detto Kessler in un’intervista. Atletico All’inizio di questa settimana, prima dell’annuncio formale. “Sarà trasformativo per questi atleti, e lo farà in tempo reale. Se non troviamo una soluzione, penso che ci arriveremo comunque, ma ci vorranno anni di contenzioso.

Problemi irrisolti

Indipendentemente dal caso Fontenot, il dibattito su quel caso è un esempio di domande senza risposta nel processo di transazione. Ad esempio, la quota di entrate medie annuali del 22% disponibile per la condivisione delle entrate delle power conference è stata negoziata senza alcun input da parte dei giocatori ed è un tasso molto inferiore a quello distribuito ai giocatori nella maggior parte dei campionati professionistici americani, una questione che potrebbe infiammare ulteriormente la questione. Discussione sugli sforzi di sindacalizzazione e sullo stato occupazionale degli atleti universitari.

La NCAA, tuttavia, perseguirà le deroghe antitrust del Congresso, descrivendo addirittura l’accordo come “una tabella di marcia per i leader sportivi universitari e il Congresso” in una dichiarazione. La soluzione della Camera offre tutele e vantaggi significativi e l’organizzazione ritiene che un approccio di contrattazione collettiva non sia necessario.

“Si crea una struttura che rende possibile un diverso tipo di conversazione con il Congresso”, ha detto Baker alle riunioni primaverili dell’ACC all’inizio di questo mese. “Quindi, in molti sensi, sono ottimista.”

Nel frattempo permangono altre domande. Il modello di ripartizione delle entrate del programma di liquidazione degli atleti della Power Conference segue la politica del Titolo IX, con pagamenti proporzionali agli atleti maschili e femminili? Se testata, la questione scatenerà ulteriori contenziosi. Non è inoltre chiaro quale impatto l’accordo della Camera potrebbe avere sul ruolo degli affiliati terzi di NIL, che attualmente operano al di fuori dei campi sportivi e hanno sviluppato una cultura non regolamentata del pay-to-play. Negli ultimi mesi si è parlato della NCAA che consente ai dipartimenti atletici di eseguire quelle combinazioni NIL a casa.

per andare più in profondità

Vai più in profondità

Riservato del portale College Football: manomissione, contratti NIL e come avviene la confusione del portale

Ci sono preoccupazioni circa l’effetto a cascata che questi nuovi requisiti di finanziamento avranno anche sui dipartimenti di atletica, incluso il potenziale per le scuole di tagliare sport, risorse atletiche o posizioni amministrative nelle scuole power-conference e non-conference. Allo stesso tempo, l’accordo della Camera creerebbe ulteriormente un cuneo tra questi due gruppi, e in pochi anni potrebbe innescare il dibattito sulla suddivisione dei programmi calcistici di maggior incasso in superconferenze o in qualche versione della Super League.

Questo dovrà essere affrontato nei mesi e negli anni a venire. Ma per ora, la NCAA si sta muovendo verso una soluzione e un futuro in cui gli atleti dilettanti non retribuiti non saranno più il pilastro portante degli sport universitari.

“L’eredità (caso House) è stato il cambiamento più fondamentale e rivoluzionario nella storia degli sport universitari”, ha detto Berman. Atletico. “Ciò apre la strada a una condivisione illimitata delle entrate che cambierà la vita degli atleti universitari”.

(Foto: Mitchell Layton/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *