Biden dice a Netanyahu che gli Stati Uniti non parteciperanno ad un contrattacco contro l’Iran



CNN

Il presidente Joe Biden e i membri anziani del Consiglio di sicurezza nazionale, cercando di contenere il rischio di una guerra regionale più ampia a seguito degli attacchi missilistici iraniani e di droni contro Israele, hanno detto alle loro controparti che gli Stati Uniti non parteciperanno ad alcuna azione offensiva contro l’Iran. Secondo i funzionari statunitensi che hanno familiarità con la questione.

In Conversazione con il primo ministro Benjamin Netanyahu Sabato più tardi, Biden ha cercato di inquadrare l’attacco iraniano come una grande vittoria per il successo dell’intervento di Israele – e suggerendo che una risposta israeliana non fosse necessaria.

Biden ha detto al primo ministro israeliano in una telefonata che sabato dovrebbe essere considerata una vittoria perché gli attacchi dell’Iran sono stati in gran parte infruttuosi e hanno dimostrato le capacità militari superiori di Israele, ha detto un alto funzionario dell’amministrazione.

Il portavoce per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha affermato che la capacità di domenica di prevenire danni diffusi è stata la prova della “superiorità militare” di Israele e che l’Iran non è “la potenza militare che afferma di essere”.

“Questa è una vittoria incredibile che dimostra davvero la superiorità militare di Israele e, soprattutto, la sua superiorità diplomatica, il fatto che hanno amici nella regione disposti ad aiutarli in tutto il mondo”, ha detto Kirby a Jake Tapper della CNN. Stato dell’unione.”

Secondo un altro funzionario statunitense, il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha chiesto al suo omologo israeliano, Yoav Gallant, di avvisare in anticipo gli Stati Uniti di qualsiasi potenziale risposta ad un attacco iraniano.

READ  Ecco come guardare la sua prima grande tappa del 2024

Mentre i funzionari statunitensi hanno insistito con le loro controparti sul fatto che la decisione ultima su come rispondere all’Iran spetta a Israele, Biden ha cercato di prevenire una più ampia escalation del conflitto.

Domenica aveva in programma di convocare un incontro dei suoi sette leader per discutere una “risposta diplomatica coordinata” – un’enfasi su misure non militari che limiterebbero le possibilità di una guerra più ampia.

“Gli ho detto che Israele ha dimostrato una notevole capacità di contrastare e sconfiggere attacchi senza precedenti, inviando un chiaro messaggio ai suoi avversari che la sicurezza di Israele non può essere effettivamente minacciata”, ha detto Biden in una dichiarazione dopo la sua conversazione con Netanyahu.

Ufficio del primo ministro israeliano

In questa foto pubblicata domenica mattina presto, ora locale, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu parla al telefono con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Parti di questa immagine sono state sfocate dalla fonte.

Se Netanyahu accetterà il consiglio di Biden rimane una questione aperta. Le rappresaglie iraniane arrivano in un momento di profonda tensione tra gli uomini in guerra a Gaza. Nel corso di quel conflitto, i limiti dell’influenza americana sul processo decisionale israeliano sono stati messi a nudo.

La decisione dell’Iran di sparare con armi contro Israele dal proprio territorio non fa che intensificare significativamente la persistente animosità tra i due paesi. Ci sarà una pressione politica dall’interno di Israele per qualche tipo di risposta.

Kirby ha affermato che l’attacco – il primo lanciato dal suolo iraniano – contro Israele non costituirebbe necessariamente l’inizio di una guerra regionale più ampia.

READ  Titolo dei 49ers 2024 NFL Pro Bowl con 9 giocatori eliminati: Josh Allen, Jared Goff: chi ha barato?

“Non crediamo che lo sia né crediamo che dovrebbe esserlo”, ha detto a Tapper, sottolineando che sia gli Stati Uniti che Israele erano ben consapevoli in anticipo di ciò che l’Iran stava pianificando di fare.

Domenica Gallant ha avvertito che potrebbe verificarsi un conflitto con l’Iran “Non ancora finito.” Le opzioni di risposta del Paese dovrebbero essere discusse in dettaglio durante la riunione del gabinetto di guerra israeliano.

Hossein Salami, comandante del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche iraniane, ha avvertito che Teheran avrebbe risposto direttamente se Israele avesse reagito, affermando che era stata creata una “nuova equazione”.

Questa storia e il titolo sono stati aggiornati con ulteriori rapporti.

Catherine Nichols e Tamar Michaelis della CNN contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *