Acque reflue nucleari di Fukushima: la Cina vieta tutti i frutti di mare provenienti dal Giappone dopo l’inizio del rilascio



CNN

Giovedì la Cina ha annunciato il divieto di tutti i prodotti ittici provenienti dal Giappone in risposta alla decisione di Tokyo di iniziare a rilasciare le acque reflue radioattive trattate dalla centrale nucleare di Fukushima, intensificando drammaticamente una faida già tesa tra i due vicini.

Il lancio fa parte di un piano controverso che ha incontrato forti obiezioni da parte di molti consumatori e di alcuni paesi regionali, con Pechino in testa alla classifica.

Il lancio del comunicato giovedì pomeriggio ha scatenato un’ondata di fuoco da parte della Cina, che ha descritto la mossa come “egoista e irresponsabile”.

Il dipartimento doganale cinese ha successivamente annunciato che avrebbe fermato le importazioni di tutti i prodotti acquatici dal Giappone, il che significa che potrebbe vietare prodotti marini diversi dai frutti di mare come sale marino e alghe.

Il dipartimento delle dogane ha affermato nella sua dichiarazione che la mossa è stata fatta per “prevenire il rischio di contaminazione radioattiva per la sicurezza alimentare derivante dallo scarico di acqua contaminata dal nucleare di Fukushima in Giappone” e per proteggere la salute dei consumatori cinesi.

Il Giappone ha sostenuto durante tutta la disputa edilizia che è sicuro scaricare l’acqua trattata e che c’è un urgente bisogno di liberare spazio nell’impianto nucleare danneggiato.

Secondo la società elettrica statale Tokyo Electric Power Company (TEPCO), l’evacuazione è iniziata all’1 di notte ora locale (mezzanotte ET).

Funzionari giapponesi hanno affermato che le acque reflue radioattive trattate sarebbero altamente diluite e rilasciate lentamente nel corso di decenni.

L’azienda ha dichiarato che prevede di scaricare solo 200 o 210 metri cubi di acque reflue trattate. Da venerdì si prevede di rilasciare 456 metri cubi di liquami trattati ogni 24 ore e un totale di 7.800 metri cubi per 17 giorni.

READ  Foto di OceanGate di sotto-detriti di Titano, recuperati possibili resti umani

TEPCO ha affermato che se si riscontrassero anomalie nell’attrezzatura di scarico o nei livelli di diluizione delle acque reflue trattate, l’operazione verrà sospesa immediatamente e verrà condotta un’indagine.

Giovedì sera una barca verrà inviata al porto per raccogliere campioni per monitorare e garantire che le acque reflue trattate scaricate soddisfino gli standard di sicurezza internazionali.

Il devastante terremoto e tsunami del Giappone nel 2011 hanno lasciato l’acqua della centrale nucleare di Fukushima contaminata da materiali altamente radioattivi. Da allora, è stata pompata acqua dolce per raffreddare i detriti di combustibile nei reattori, mentre le acque sotterranee e piovane si sono infiltrate, creando acque reflue altamente radioattive.

Il piano per rilasciare l’acqua è in lavorazione da anni, con i funzionari che nel 2019 hanno avvertito che stavano esaurendo lo spazio per immagazzinare il materiale e non avevano “altra opzione” se non quella di rilasciarla in una forma purificata e altamente diluita.

Mentre alcuni governi hanno espresso sostegno al Giappone, altri si sono fortemente opposti al rilascio delle acque reflue, con molti consumatori in Asia che accumulano sale e frutti di mare nel timore di una futura contaminazione.

Gli Stati Uniti hanno sostenuto il Giappone e Taiwan ha concordato che la quantità di trizio rilasciata dovrebbe avere un impatto “minimo”.

Tuttavia, la Cina e le Isole del Pacifico hanno espresso la loro opposizione, sostenendo che il rilascio potrebbe avere un ampio impatto regionale e internazionale e minacciare la salute umana e l’ambiente marino.

Prima che giovedì la Cina annunciasse il divieto dei prodotti ittici, il suo ministero degli Esteri aveva affermato che il rilascio delle acque reflue “manderebbe pericoli al mondo intero e estenderebbe il dolore alle future generazioni dell’umanità”.

READ  Le azioni di Warren Buffett nel Berkshire acquistano e registrano una perdita di $ 43,8 miliardi

Anche i social media cinesi sono stati inondati di rabbia e costernazione giovedì, con l’hashtag che ha ottenuto più di 800 milioni di visualizzazioni nel giro di poche ore dal suo rilascio su Weibo.

Molti utenti hanno sostenuto il divieto dei prodotti ittici, mentre altri hanno invitato le autorità a fare un ulteriore passo avanti. “Dovremmo vietare tutti i prodotti giapponesi”, si legge in un eccellente commento.

Molti in Cina continuano a nutrire sentimenti ambivalenti nei confronti del Giappone. Sebbene i prodotti e la cultura giapponesi siano popolari in Cina, non è insolito che i giapponesi chiedano il boicottaggio di tutto ogni volta che riemergono vecchie lamentele alimentate dall’attuale conflitto bilaterale.

Nel 2012, una serie di proteste anti-giapponesi nelle città di tutta la Cina sono diventate violente dopo che il Giappone ha deciso di nazionalizzare un’isola nel Mar Cinese Orientale rivendicata sia da Tokyo che da Pechino.

Il divieto totale sui prodotti acquatici e sui frutti di mare giapponesi si estende alle normative precedenti che avevano già bloccato le importazioni da Fukushima e da altre nove regioni del Giappone. All’inizio di questa settimana, Hong Kong ha annunciato un divieto simile sulle importazioni di prodotti alimentari da alcune parti del Giappone.

Entrambe le destinazioni – Cina e Hong Kong – rappresentano i due maggiori mercati di esportazione di prodotti ittici del Giappone, indicando potenziali problemi per l’industria della pesca giapponese, secondo i dati doganali giapponesi.

Nonostante la battuta d’arresto, i funzionari giapponesi e i loro sostenitori internazionali, compreso l’organismo di vigilanza nucleare delle Nazioni Unite, sostengono che il rilascio è sicuro.

Nel corso degli anni le acque reflue sono state continuamente trattate per filtrare tutti i componenti dannosi che possono essere rimossi e poi stoccati in serbatoi. Secondo TEPCO, la maggior parte dell’acqua viene trattata una seconda volta.

READ  Le Filippine affermano che una nave della guardia costiera e una nave da rifornimento si sono scontrate con navi cinesi al largo della costa contesa.

Quando le acque reflue vengono finalmente rilasciate, sono fortemente diluite con acqua pulita, quindi contengono pochissimo materiale radioattivo. Viaggerà nell’Oceano Pacifico attraverso un tunnel sottomarino a 1 chilometro (0,62 miglia) dalla costa.

Terze parti, inclusa l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) delle Nazioni Unite, monitorano le emissioni durante e dopo il rilascio.

L’AIEA ha dislocato personale presso l’ufficio recentemente aperto di Fukushima e ha affermato che monitorerà la situazione per diversi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *