Accordo sulla sicurezza delle isole del Pacifico: la Cina ha influenza nel tour di Wang Yi

La bozza di proposta della Cina ai potenziali partner nella regione del Pacifico meridionale richiede una maggiore cooperazione in materia di sicurezza, polizia, sicurezza informatica e sviluppo economico.

La bozza di proposta è stata presentata alla CNN da qualcuno che conosceva direttamente la questione ed è stata segnalata per la prima volta ReutersSi prevede che sarà discusso alla seconda riunione dei ministri degli esteri sino-pacifici alle Figi la prossima settimana, parte del tour diplomatico regionale di 10 giorni del ministro degli Esteri cinese Wang Yi.

Il tour di Wang è iniziato giovedì alle Isole Salomone e porterà il ministro a Kiribati, Samoa, Fiji, Tonga, Vanuatu, Papua Nuova Guinea e Timor orientale, ha affermato il ministero degli Esteri cinese.

Al momento non si sa cosa farà dopo aver lasciato il posto. Ma, se accettato, indicherebbe progressi significativi nell’integrazione di Pechino nella regione indo-pacifica con importanza geostrategica.

La posizione delle isole del Pacifico, principalmente a nord-est dell’Australia, le nazioni insulari sono state a lungo viste dagli strateghi militari come un collegamento chiave tra lo stato americano di Guam e gli Stati Uniti d’America.

Gli Stati Uniti e l’Australia sono diffidenti nei confronti della Cina, che sta crescendo sempre più saldamente nel Mar Cinese Meridionale, espandendo i suoi confini nell’Oceano Pacifico e isolando quella catena di isole vitali.

Nel frattempo, le stesse nazioni insulari – che generalmente sono più preoccupate per la devastazione del cambiamento climatico che per la geopolitica – temono di essere viste come soldati in una grande lotta per il potere.

Un paese guidato dall’accordo ha già sollevato preoccupazioni e si sono verificate diffuse reazioni contrarie da parte di altre potenze regionali che diffidano delle intenzioni della Cina.

READ  L'agenzia statunitense aggiorna la revisione della sicurezza del pilota automatico Tesla, prima del richiamo

In una lettera ad altri 22 leader del Pacifico vista dalla Cnn, David Panulo, capo degli stati federali della Micronesia, ha affermato che la bozza di proposta mirava a trasformare i paesi del Pacifico “molto vicini all’orbita di Pechino” con relazioni diplomatiche con la Cina.

Oltre a influenzare la sovranità del Pacifico, Panuelo ha affermato che la firma di un tale accordo potrebbe portare a una nuova “Guerra Fredda” tra le tensioni tra Cina e Occidente.

Sulla scia della firma dell’accordo di difesa bilaterale tra le Isole Salomone e la Cina il mese scorso, la bozza di proposta e il tour di Wang potrebbero aver causato profonda preoccupazione da parte di altre potenze. La base dell’isola.

Nei commenti su Hon’ble giovedì, Wang ha affermato che l’accordo di difesa Isole Salomone-Cina era “aperto e trasparente” e non aveva intenzione di stabilire basi militari.

“La Cina sostiene le nazioni insulari del Pacifico per rafforzare la cooperazione in materia di sicurezza e lavorare insieme per affrontare le sfide alla sicurezza regionale … Le nazioni insulari del Pacifico sono nazioni sovrane e indipendenti e il cui cortile non lo è”, ha affermato.

Il mese scorso, il primo ministro delle Isole Salomone, Manasseh Chowdhury, ha promesso che l’accordo di Hon’ble con Pechino avrebbe “perfezionato” l’accordo sulla sicurezza esistente con l’Australia e “non avrebbe pregiudicato o indebolito la pace e l’armonia della nostra regione”. Solomons si trova a 1.600 km al largo della costa nord-orientale dell’Australia.

Ma le preoccupazioni per gli interessi regionali della Cina hanno suscitato molta preoccupazione in Australia questa settimana, con il nuovo primo ministro Anthony Albanese – che ha criticato il fallimento della Cina nel bloccare l’accordo cinese con le Isole Salomone – dicendo giovedì che il suo paese non poteva “sopportarlo”. “Lascia la palla” in risposta.

“La Cina sta cercando di aumentare la sua influenza in quella regione del mondo, dove l’Australia è stata il suo partner di difesa scelto dalla seconda guerra mondiale”. Egli ha dettoCanberra dovrebbe fornire più supporto.

Come segno della preoccupazione del governo albanese, Giovedì il ministro degli Esteri australiano Benny Wong si è recato alle Fiji, dove ha descritto l’Australia come un “partner che non lega i fili o impone oneri finanziari insopportabili”.

READ  Funzionari ucraini affermano che i bombardamenti intorno a Kharkiv si intensificano durante la notte senza che le truppe russe si infiltrano

“Siamo un partner che non mina le priorità del Pacifico o le istituzioni del Pacifico. Crediamo nella trasparenza. Crediamo in vere partnership”, ha affermato Wong.

Giovedì gli Stati Uniti hanno annunciato che le Figi faranno la loro parte nel piano economico primario recentemente pubblicato per la regione nota come Indo-Pacific Economic Framework for Prosperity.

Pechino non ha confermato la sua volontà di un accordo multilaterale nella regione.

La visita di Wang “rafforzerà ulteriormente gli scambi ad alto livello, rafforzerà la fiducia reciproca politica, amplierà la cooperazione pratica, approfondirà i legami bilaterali e creerà una comunità più intima con un futuro condiviso per la Cina e le nazioni insulari del Pacifico”, ha affermato mercoledì un portavoce del ministero degli Esteri cinese .

Alla domanda sui timori che il Trattato di sicurezza delle Isole del Pacifico possa innescare una guerra fredda, il portavoce ha fatto marcia indietro, definendolo “sensazionalismo”.

Mercoledì a Washington, il portavoce del Dipartimento di Stato americano Nate Price ha dichiarato: “Gli Stati Uniti sono consapevoli che la Cina sta cercando di negoziare vari accordi durante la visita del Segretario di Stato nella regione”.

“Siamo preoccupati che questi accordi segnalati possano essere negoziati in modo urgente e trasparente”, ha affermato, indicando “gli accordi loschi e ambigui” di Pechino nel rispetto delle capacità degli Stati Uniti. Per prendere le proprie decisioni sovrane.

L’accordo di sicurezza proposto e il tour di Wang sono arrivati ​​in mezzo alla crescente preoccupazione tra le altre potenze regionali per le aspirazioni di Pechino nella regione indo-pacifica.

La Cina rivendica quasi tutti i diritti ampi Mar Cinese Meridionale Come suo territorio sovrano. Costruisce e militarizza le sue strutture lì, trasformando le isole in basi militari e piste di atterraggio e creandole. Combattenti marini Conterrà centinaia di navi.

Nel Mar Cinese Orientale, la Cina sta cercando la sovranità sulle isole Senkaku controllate dai giapponesi, conosciute anche come le isole Taiyu. Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno riaffermato il loro impegno a proteggere le isole in caso di occupazione straniera.

In una dichiarazione congiunta lunedì, Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden E il primo ministro giapponese Fumio Kishida, che ha espresso “preoccupazione” per l’accordo di sicurezza della Cina con le Isole Salomone e il suo fallimento nell’affrontare “voci di preoccupazione regionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.